321via.ch per una visione pluricentrica dell’italofonia

Andata online a fine marzo 2016, la piattaforma didattica www.321via.ch offre, all’insegnante e all’apprendente di italiano L2/LS, una trentina di moduli didattici, ognuno contenente dai 3 ai 9 esercizi interattivi basati su materiali autentici tratti dai media.

Il progetto mira allo sviluppo di competenze ricettive d’italiano ai livelli A1-B2 e apre contemporaneamente una finestra sulla cultura di una eterogenea minoranza italofona, quella elvetica interna (Ticino e Grigioni Italiani) e esterna (Svizzera francese e tedesca) al territorio tradizionale.
I moduli di 321via.ch si intendono complementari alla maggioranza dei manuali d’italiano in uso e orientati esclusivamente all’Italia, favorendo così una visione pluricentrica dell’italofonia (visione già affermata nella didattica delle lingue straniere inglese, francese e tedesca, per esempio). Oltre a trattare particolarità dell’italiano elvetico, alcuni moduli di 321via.ch affrontano la tematica dell’immigrazione di italiani in Svizzera o invitano a riflettere su fenomeni di bi- e plurilinguismo con l’italiano. Le tematiche dei moduli (dallo sport alla letteratura, dall’agricoltura alla storia, ecc.) sono state scelte per rispondere agli interessi di un largo pubblico, dall’adolescente al pensionato. L’offerta didattica si rivolge quindi ad apprendenti d’italiano L2/LS di ogni nazionalità e Paese desiderosi di conoscere una particolare, minuta (e forse sorprendente) realtà italofona.
Realizzato in collaborazione con numerosi insegnanti d’italiano di Svizzera tedesca e francese e diretto da Sara Alloatti (docente di didattica dell’italiano all’Università di Zurigo e autrice di un manuale d’italiano per germanofoni, www.tracce.ch), il progetto 321via.ch è stato finanziato dall’Ufficio federale della Cultura nel quadro dell’Ordinanza sulla legge sulle lingue. Grazie al finanziamento federale e alla generosità dei media e di diversi registi, l’accesso alla piattaforma e a tutti i suoi materiali e servizi è gratuito. La registrazione avviene tramite i social Facebook o Google o su richiesta di una password locale. L’utente registrato entra automaticamente in possesso di un “portfolio”, all’interno del quale vengono salvati i moduli iniziali e i moduli finiti con i rispettivi punteggi parziali o totali. Per favorire la didattica orientata al QCER, ogni apprendente può stampare un certificato dei moduli completati con successo da integrare al proprio PEL o al proprio curriculum. Le attività sono concepite per contesti di apprendimento individuale e autonomo, ma si prestano anche all’uso simultaneo da parte di un’intera classe durante le lezioni – in assenza di computer per ogni studente, ogni modulo può essere stampato e svolto su carta.
In nuce, l’idea del progetto era nata durante il primo convegno nazionale degli insegnanti svizzeri d’italiano L2/LS (convegno “Italiamo”, Lugano, 6-7 settembre 2013). Lo sviluppo di 321via.ch ha seguito l’iter di analisi dei bisogni, dello sviluppo di soluzioni e dell’iterativo processo di test e implementazione caratteristico della “Design-Based Research”. Uno studio comparativo di prodotti analoghi digitali (tra cui, per il francese, tv5monde.org e rfi.fr, per il romancio chapeschas.ch e per l’inglese english-attack.com) e cartacei (tra cui, per l’italiano, il manuale “Capito?”) ha permesso di individuare funzionalità e design didattici con funzione di (anti)modello e di favorire scelte didattiche e sviluppi tecnici innovativi, tra cui un instructional design mirante all’edutainment, una modalità di correzione che sprona l’apprendente a (ri)cercare la soluzione corretta, una strategia motivazionale volta a ridurre il drop-out, la creazione di un software autore flessibile e intuitivo per favorire un continuo ampliarsi dei materiali didattici e una funzione di stampa con adattamento di layout automatizzato. Queste e altre caratteristiche del Learning Content Management System di 321via.ch lo rendono adatto a essere impiegato in progetti analoghi.
Per ulteriori informazioni: info@321via.ch

Rispondi