Chin8, 80 voglia di tè!

Forse non tutti sanno che… in Italia c’è una bevanda nazionale, nazionale non perché la bevono tutti, ma perché è prodotta solo in Italia:il Chinotto, dall’agrume omonimo (Citrus myrtifolia Raf.).
E’ di colore scuro, frizzante ed amarognolo.
Purtroppo non si trova spesso nei menù dei bar, pub e ristoranti, per cui per ora è un piacere che consumo soprattutto a casa.
Sono varie le marche che lo producono (Neri, Sanpellegrino (Chinò), Guizza, Fanta Chinotto), si incontra facilmente nei supermercati o nei negozi di alimentari e si trova anche con sottomarche nei discount tipo all’Eurospin (prodotto che preferisco di lunga a quello della Guizza, se proprio dobbiamo fare un paragone).

Il mio preferito è il Chinotto Neri:

la cui bottiglia ha subito recentemente un ammodernamento (la seconda immagine).
Da quanto appreso su chinotto.com, contiene più caffeina del caffè ed anche più calorie della Coca Cola, ma stiamo parlando del Chinotto, signori miei.
Tempo fa mi ero iscritta al Club del Chinotto, ma nel tempo, non avendo ricevuto aggiornamenti e sinceramente presa da altro, non mi sono resa conto di quanto questo club sia attivo e di quanto sia prezioso il sito per gli estimatori (vecchie bottiglie, etichette e gadget d’epoca, ecc ecc). Gli autori del sito sono, inoltre, molto ironici: guardate il modulo di iscrizione.
Ho scovato anche una petizione, (di un anno fa), rivolta alla Coop, affinché commercializzi la marca Neri, leader nazionale.
Per concludere: trattare del Chinotto vuol dire anche fare pubblicit ad un prodotto tipicamente italiano che passa spesso inosservato e che può accompagnare qualsiasi cibo.
Per cui, professori e professoresse, se ancora non lo avete assaporato, concedetevi questa opportunit e consigliatelo ai vostri studenti insieme al Chianti o al Marsala.

9 pensieri su “Chin8, 80 voglia di tè!

  1. dimenticavo….se mischiate coca cola e ginger lo sapete che …esce il chinotto? Provare per credere

  2. l’unico vero chinotto è proprio il neri, in Toscana lo vende la coop ma a Milano non riesco a trovarlo. Ho fatto scorta durante le vacanze,sono rientrata con 18 bottiglie

  3. il Chinotto NERI lo fanno nello stabilimento di Capranica in provincia di Viterbo a 30km circa da me! 🙂

  4. Beh, in verità quando un paio di anni fa ho visto la pubblicità della cedrata Tassoni ho avuto un effetto madeleine, i ricordi si rincorrevano verso i lontani anni ’70 quando ero un bambino e la cedrata era sulle tavole imbandite.
    Vabbè, lasciamo perdere.
    Mitica la cedrata! Solo che, effettivamente… pure il sito parla chiaro… caro il nostro mucio, forse dovresti berne un po’ di più per rinvedire i fasti andati… 😉

  5. vabbeh la libertà d’espressione… ma c’è un limite anche ai paragoni (p.s. famosa la cedrata a livello nazionale, poi, eh!)
    🙂

  6. Fantastico post!
    Personalmente, seppur il Neri è ovviamente il primo e quindi l’unico vero originale, il mio preferito è il Chiò Sanpellegrino: un po’ più amarognolo del Neri.
    Il peggiore, oltre agli orridi dei discount, digran lunga il Fanta, davvero tremendo!

Rispondi