Copyright.

 

Chiunque voglia costruire attività didattiche basate sulla riproduzione di testi autentici e desideri poi metterle a disposizione di altri (fotocopie, internet) deve pagare un copyright. Sia che lo faccia gratuitamente che a titolo oneroso.

Come fare allora? Beh, vi propongo un modo, che non danneggia né l’autore né l’insegnante creativo, il quale forse non disdegna neanche guadagnare qualcosina con il suo lavoro di preparazione. Date un’occhiata all’attività che ho elaborato su una canzone di Ciampi (Testo Ciampi-Marchetti).

NOTA: Se fra i lettori c’è qualche esperto di questioni legali, mi faccia sapere se il metodo che propongo ha una qualche validità.

Rispondi