Corti e webseries a lezione (!)(?)

 

Da tempo cercavo una serie tv italiana, con puntate brevi, da poter utilizzare in modo regolare durante un intero semestre. Ai miei studenti ho proposto vari format: film, spezzoni, videoclip, cortometraggi o puntate intere di serie tv che ho trovato grazie a mamma Rai.tv e youtube, ma quello di cui ero alla ricerca era una storia, divisa per brevi capitoli, con un inizio e una fine. Poi, un giorno, casualmente, una mia collega mi parla della partecipazione di suo fratello (attore) ad una serie web (webseries) disponibile unicamente su youtube e qualcosa ha fatto click nella mia testa.

Le serie web ho capito che pur non avendo raggiunto il grande pubblico, in realtà sono già molto famose in italia ed alcune sono addirittura un cult. Sono interpretate da attori giovani, promettenti, presto famosi, con sceneggiature originalissime, episodi brevi (inferiori ai 20 minuti), colonne sonore orecchiabili che piacciono soprattutto a me. C’è addirittura un portale che le raccoglie tutte, ed il relativo canale su youtube; bisogna solo avere curiosità e tanto tempo a disposizione.

Qui di seguito ve ne propongo quattro, che sono quelle che più mi hanno colpita:

 #Tris Non posso non inziare con la prima serie web di cui abbia mai sentito parlare. I protagonisti sono tre ragazzi gay. Siccome questo si è visto solo nei film di Ozpetek, a maggior ragione le voglio far occupare un posto speciale. #Tris (7 episodi in totale) rimane una serie web comica, molto gradevole, con bravissimi attori e con una trama originale. E’ disponibile su youtube da aprile 2012 ed ogni episodio è inferiore ai 15 minuti.

Freaks! Freaks è alla seconda serie, la prima consta di 8 episodi di circa 15 minuto l’uno e risale al 2011. I protagonisti sono sei ventenni con dei superpoteri che si incontrano una notte per caso per le strade di Roma ed iniziano un viaggio a ritroso cercando di capire cosa li leghi. E’ molto avvincente. Per i miei studenti la comprensione credo che sia compromessa dal linguaggio molto colloquiale, dalla velocità e dal sottinteso dei dialoghi, nonché dalla trama molto articolata che spiazza anche me. Gli episodi possono anche essere visti su youtube, dove è più facile risalire ai trailer delle puntate o al backstage. Ma sul sito la visione è interattiva: per ogni episodio ci sono un paio di domande a scelta multipla che appaiono e  mettono alla prova la concentrazione dello spettatore.

Kubrik-Una storia porno è nuova di zecca, sono state appena pubblicate le prime tre puntate e su youtube la serie è descritta così ” Kubrick è la prima web serie sul mondo del porno. Tre aspiranti videomakers si trovano improvvisamente a dover girare un film hard con imprevedibili conseguenze”. E’ una web serie comica, nella quale il porno è la cornice per dei protagonisti esilaranti. Si può portare a lezione negli Stati Uniti? Non lo so. No. Non lo so. No. Forse. Non lo so… Mentre io ci penso su, voi andate a commentare sotto il terzo video, chiedendo che continuino a girare la serie web.

Ingresso Ridotto dice di sé: “Tre persone destinate a (ri)incontrarsi al momento sbagliato. Tre situazioni disperate. Cosa puoi perdere ancora quando non hai più niente? Sei disposto a toccare il fondo?”. E’ una serie web che ha appena debuttato, consta di 5 episodi brevissimi, di appena 5 minuti. Gli attori sono allievi della Scuola di cinema e televisione della Fondazione Milano.

In conclusione… rispetto ai cortometraggi, che sono il format che più si avvicina ai miei bisogni, nelle serie web sono fondamentali i dialoghi, mentre nei corti conta più la fotografia, la regia e i dialoghi sono spesso accessori. Però ci sono tre corti che vorrei condividere perché ci ho lavorato bene (tutti e tre sono su vimeo.com)

L’età del fuoco, sull’impatto che potrebbe avere in futuro la tecnologia sulla nostra vita.

Un motivo ci sarà, girato appositamente per il  concorso @ 50 Ore Torino Ed. 2009 – Anno IV 

Notte Sento, uno di quei corti a cui non si può rinunciare. Io l’ho utilizzato per i connettivi. E’ una storia toccante, che ha spiazzato gli studenti. E’ oltretutto un modo per parlare di argomenti che normalmente non vengono toccati nei manuali. Non vi svelo altro, ma vi suggerisco di cliccarci perché ne vale davvero la pena.

 

 

 

 

 

 

22 pensieri su “Corti e webseries a lezione (!)(?)

  1. No crepi, purtroppo no. Comunque i miei studenti hanno scelto “Facce da scuola”. E stanno imparando tante di quelle espressioni colloquiali che ho paura di non finire il programma grammaticale del corso. Come dire che anche l’insegnante si sta lasciando contagiare dall’atmosfera della serie. Sorrido.

  2. Grazie per le belle idee sugerite. Anch’io amo usare il corto a lezione.
    Vorrei farvi una domanda. Sapete di qualche sito dove poter vedere cinema italiano con i sottotili.
    Grazie in anticipo

  3. Bello l’articolo! Le conosco tutte! Le seguo con molta passione!! E ce n’è una che in questi mesi mi sta davvero piacendo troppo. Si chiama Youtuber$. E’ davvero fatta bene, unisce il comico e il thriller in modo sapiente e merita davvero. Ci sono anche un sacco di attori famosi che sanno recitare. Gli youtubers veri, quelli che vivono su youtube, l’hanno massacrata e hanno mandato i loro fan bimbiminkia a criticarla, ma ovviamente si sono ridicolizzati visto il baso livello culturale di queste persone. Guardatela e poi mi dite. Questo il link per vedere tutti gli episodi usciti finora: http://www.youtube.com/playlist?list=PLBXRtK0ZLmLyvCCO82ArJXlh4oPbIOmKX&feature=mh_lolz

  4. @ladylink: grazie, andrò in aula computer allora, “Notte sento” l’ho trovato davvero bello.
    RP è Real Player, l’ho abbreviato ma lo conosci di sicuro!
    Thanks!

  5. Salve a tutti, sono iscritta da poco e…non giovanissima, ma curiosa di tutti i materiali nuovi. Una domanda da quinta elementare: dopo aver scaricato i video con RP, come li fate vedere a scuola? Scusate l’ingenuità, ma sono all’ABC ;.)

  6. “Avermi scambiata per Ciro è un grande onore… ” Non diciamo cazzate, Ladylink. 🙂 “ho sempre ammiratola costanza di Ciro e porfido, che hanno fatto un grande, grandissimo lavoro per un blog che è uno scrigno.” Quanti complimenti! Aspettiamo concreto invito con illimitato credito al banco del bar, tu che torni vittoriosa con in saccoccia la credit (green) card: in tema di costanza li’ potrai saggiare di cosa sono veramente capace (con Porfido te la cavi col cash, lui e’ un dilettante) 😉

  7. Grazie mille, in questi giorni stavo giusto pensando di mettermi alla ricerca di qualche serie da didattizzare!

  8. Ciao Lady. Bellissimo suggerimento. Spero che segni il tuo rientro definitivo fra i contributori regolari del blog. Sarebbe grandioso.

  9. Perdona ladylink per averti chiamato Ciro ma entrambi siete bravi, penso che non c’è problema!

  10. Buonissimo il post Ciro. Molto utile. Quello che descrivi è un mondo che mi è completamente sconosciuto. Ho visto velocemente alcune delle web e ci si può lavorare sopra molto molto bene. Grazie!

Rispondi