Il Bollettino Dilit

Quasi tre anni fa, sul vecchio blog, ci rammaricavamo del fatto che un noto bollettino on line abbandonava la rete e si trasferiva su carta.
Ora siamo lieti di annunciare che un altro noto bollettino ha fatto la scelta inversa, quella di trasferire il mezzo da cartaceo ad elettronico.

Si tratta del Bollettino Dilit, semestrale che dal 1980 (!) pubblica riflessioni sulla didattica delle lingue basate su solide basi teoriche ma sempre improntate agli aspetti pragmatici dell’insegnamento.

Il responsabile del bollettino, Christopher Humphris, ha comunicato via e-mail il cambiamento scrivendo:

Ti ricordi come tanti anni fa si facevano dichiarazioni sui miracolosi effetti che l’avvento del personal computer avrebbe prodotto sullo stato del pianeta? Si diceva che la carta sarebbe quasi del tutto scomparsa, che quindi gli alberi non si sarebbero più abbattuti, che le foreste sarebbero rimaste intatte… Ebbene, come si sa, queste profezie non si sono avverate. Anzi.
Noi, invece, nel nostro piccolissimo – seppure, ammetto, con molto ritardo – abbiamo deciso di salvare qualche albero. Insomma, da quest’anno il Bollettino Dilit non è più stampato su carta.

Per ricevere il Bollettino Dilit bisogna scrivere una mail con richiesta di invio della publbicazione all’indirizzo formazione@dilit.it.

Di seguito l’inizio dell’articolo Produzione orale, di Christopher Humphris, contenuto nel Bollettino Dilit 2008/1:

Gli occhi negli occhi, profonda voglia e ricerca di capirsi l’un l’altro, totale estraniamento da tutto ciò che li circonda, le menti totalmente impegnate a trovare modi più appropriati – cioè più chiari, più precisi – per dire ciò che si ha da dire e per ascoltare l’altro nel modo più completo possibile.
Sono due innamorati? Può darsi. È senza dubbio un momento molto molto bello per le due persone coinvolte.
La tesi di questo articolo è che questa intensità comunicativa, questo totale coinvolgimento di ogni grammo dell’essere di ciascuno dei due partecipanti sia possibile anche fra due studenti durante la Produzione libera orale in una classe di lingua. (…)

Un pensiero su “Il Bollettino Dilit

  1. In Christopher Humphris noto un equilibrio tra forma e significato.
    Concetti e contenuti sono presentati con chiarezza, ci sono esempi che illuminano,; molte sono le metafore e i paragoni efficaci. E’ un percorso del pensiero che ha la stessa armonia di una via rinascimentale

Rispondi