“Ildue chiacchiere con”… Elisabetta

Ilduechiacchiere con di questo post è stato possibile grazie alla disponibilit di Elisabetta, una dei tre colleghi italiani che condividono con me l’onere di italian instructors qui ad Izmir, nella mia stessa universit .

L’ufficio mio e di Elisabetta sono uno accanto all’altro e questo ci permette di passare sempre qualche minuto insieme nei tempi morti tra una lezione o una riunione e l’altra.

Anche lei è fresca di Master in Didattica dell’italiano a stranieri e come me ha deciso di sfidare la sorte ed atterrare ad Izmir. L’Elisabetta che conosciamo ed apprezziamo tutti è una persona piena di energia e di idee, che non perde mai l’occasione di parlarci del Sud America e soprattutto del Messico e di Monterrey, dove ha vissuto per quasi due anni. Vista quindi l’attenzione de ildueblog verso il Sud America e la preziosit della testimonianza di Elisabetta, ho pensato di fare due chiacchiere con lei. La conversazione si è dilungata a tal punto che ho dovuto dividere il nostro scambio in due post.

Ecco a voi la prima parte.

LL: Allora Elisabetta dove hai iniziato a lavorare e quando?

E: Ho iniziato a insegnare, come volontaria, nel 2003 in Uruguay. Ero gi laureata (alla Ca Foscari di Venezia n.d.r.) ed avevo portato a termine un corso di formazione chiamato Corso Base Itals, di un anno, a cadenza settimanale, tenuto dagli stessi professori del Master. Lì ho iniziato a capire che cosa significasse insegnare la mia madrelingua a stranieri. Il corso aveva affrontato anche il mondo dell’immigrazione, ma i miei interessi erano soprattutto l’insegnamento dell’italiano come LS ed infatti, appena ne ho avuto l’opportunit , sono andata in Uruguay, a Montevideo. Qui ho seguito 3 corsi di formazione tenutisi presso la Universidad De La Rep blica e lì ho davvero capito che avrei voluto fare questo lavoro, e soprattutto che avrei voluto continuare a farlo in Sud America.

LL: Come sei arrivata in Messico?

E: Da Montevideo ho iniziato a inviare CV in tutte le istituzioni del Sud America in cui si insegnasse l’italiano e sono stata contattata dalla Dante Alighieri di Monterrey.

LL: Di che tipo di corsi ti occupavi?

E: Per la Dante Alighieri mi sono occupata di vari tipi di corsi, d’altronde la scuola cercava di assecondare tutte le richieste possibili ed immaginabili dei clienti (dal corso di scrittura al corso di letteratura contemporanea o femminile) e poiché aveva insegnanti validi e volenterosi, visto che per guadagnare bene è necessario davvero rimboccarsi le maniche.

LL: Quante ore lavoravi alla settimana?

E. Sono arrivata a lavorare anche 40 ore settimanali, rimbalzando da una parte all’altra della citt .

LL: Che tipo è l’ambiente della Dante Alighieri? Chi sono gli insegnanti che ci lavoravano? Insomma chi erano i tuoi colleghi?

E: Eravamo in molti a lavorare presso la D.A., circa una trentina e c’erano sia italiani che messicani, era un bell’ambiente.

LL: Avevi un contratto regolare?

E: No, non avevo un contratto regolare, la D.A. non faceva contratti, ma ho avuto la fortuna di andare a lavorare presso un’universit locale che mi ha messa in regola. L’universit mi ha proposto un contratto, ed è stata l’unico contratto che ho avuto.

LL: Ed i colleghi?

E: Come in ogni posto c’erano colleghi preparati e colleghi meno. C’erano colleghi interessati, che si tenevano aggiornati e che si davano da fare ed altri che aprivano il libro e si limitavano alla spiegazione della grammatica. Però devo dire che la direttrice della D.A. era preparatissima e quando il tuo superiore è una persona con esperienza e formazione, il tuo lavoro ne risente positivamente. Questo è ciò che più mi manca adesso…

LL: …Passiamo agli studenti…

E: Beh… Gli studenti erano altamente ricettivi ed altamente motivati. Erano estremamente interessati alla cultura italiana e ho potuto lavorare con loro in modo molto creativo. Anche la D.A. ci incentivava in questo senso.

LL: Un pubblico molto diverso rispetto ai nostri studenti attuali.

E: Sì, certamente un pubblico molto diverso. La motivazione degli studenti messicani ha stimolato incredibilmente il mio lavoro di insegnante. Questa direi che è la maggiore differenza tra i due contesti lavorativi.

LL: Passiamo al Master in Didattica…

E: Ho deciso che sarei tornata in Italia per proseguire la mia formazione e ho trovato interessante l’offerta del Master in Didattica dell’Italiano come L2, dell’Universit di Padova. Il Master era in presenza e durava 6 mesi. Sembrano pochi, ma in realt sono stati intensissimi, perché la frequenza era di 3 volte alla settimana, con tantissime esercitazioni e nel frattempo lavoravo perché mi dovevo continuare a spesare.

LL: Che tipo di insegnamenti, che tipo di lezioni avete seguito?

E: Quelle del Master sono state lezioni molto laboratoriali. Siamo stati bombardati di nozioni ma anche di laboratori sul cinema, sulla didattica ludica, ci sono stati laboratori anche di letteratura ed arte.

LL: Interessantissimo!

E. Sì, anche se viste le esperienze di lavoro che avevo e visto quello che sto vivendo, mi sto sempre più rendendo conto che il Master ha proposto degli insegnamenti non proprio applicabili alla mia quotidianit in classe . E d’altro canto mi sarebbe piaciuto approfondire delle tematiche come quelle dell’interazione e della gestione della classe, materie che sento di voler approfondire.

Fine prima parte.

6 pensieri su ““Ildue chiacchiere con”… Elisabetta

  1. Ciao a tutti ! È da tempo che cercò un contatto per avere la possibilità di insegnare in una scuola italiana a Montevideo! Ho mandato diversi curricula ma senza risultati, se avete possibilità di fornirmi contatti validi ve ne sono grata!!!!!

  2. Ho letto tutto !!!!

    Elisabetta davvero ci ricorda ,
    questo mi fa sentire benissimo!!!

    Elisabetta facceva le lezioni d’italiano di un modo originale e sempre aveva la disponibilità di parlare con gli studenti per risolvere i dubbi.

    Sono contenta perche lei continua con il suo impegno e la sua disposizione per crescere in tutti gli ambiti…

    Quasi tre anni fa che ho studiato un corso d’italiano per questo non mi ricordo molto di alcune cose 🙁 mi dispiace.

    Ma credo che quello che ho imparato di Elisabetta non l’ ho dimenticato.

    E qualche volta ripasso e impararo piu di questa bellisima lingua.

    Ciao,
    hasta pronto!

    salutti da Monterrey, Messico

    Cristal

  3. Pingback: il due blog» Archivi Blog » Semestrale “Lingua nostra e oltre” finalmente online

  4. Pingback: il due blog - il blog degli insegnanti di italiano per stranieri

  5. CIAO ELISABETTA SONO PIPPO TI RICORDI IL FLAMENGO? A PARTE GLI SCHERZI… HO VISITATO IL VOSTRO SITO E NON POTEVO NON FARMI SENTIRE VI PENSO SEMPRE ,SIETE GRANDI UN BACIONE DAL VOSTRO PIPPO.
    NB: UN SALUTO DA MARIA MIA MOGLIE, MI SONO SPOSATO IN CHIESA IL 21 AGOSTO 2006 FATEVI SENTIRE MI FAREBBE PIACERE

Rispondi