Insegnanti italiano L2: vita quotidiana

Capita che la sera, una coppia di insegnanti, dopo una dura giornata di lavoro, dopo cena, davanti alla TV, si ritrovi così:

Lui: Vediamo questo film in DVD?
Lei: Ok (assente).
Lui: Bene, lo metto su.
Lei: Ok (assente).
Iniziano i titoli di testa.
Lei: Senti senti questa.
Lui: Ma dai, è iniziato il film.
Lei: ma ancora non hanno detto niente, senti, senti. Ahahahwawa.
Lui: Metto in pausa.
Lei:

Insegnante: L’articolo determinativo maschile singolare: prima di un nome maschile che comincia per consonante usiamo l’articolo “il”; prima di un nome che comincia per voale usiamo l’articolo “l”, con l’apostrofo; prima di un nome che comincia con alcune consonanti, tipo ps, gn, x, z, usiamo l’articolo “lo”. Facciamo qualche esempio: “Zoo”, capite questa parola?
Tutti: Sì.
Insegnante: Allora quale articolo va bene per “zoo”?
Eriko: Elefante.

Lui e Lei: Ahahahahawawwahahawawhhahawaahaawaw, elefante. Mitico! Ahahahsawhwa…
Lui: Rimetto il film?
Lei: Aspetta aspetta… ce n’era una… aspetta. Ecco:

Insegnante: Oggi studiamo gli aggettivi possessivi. Per la prima persona usiamo “mio”, per la seconda “tuo”, per la terza…?
Caterina: Luo.
Insegnante: E’ una buona idea, ma è un po’ differente.
Annelore: Lio.
Insegnante: Molto carino, ma è diverso.
Caterina: Leo.
Insegnante: Più carino ancora! Purtroppo è “suo”, mi dispiace.
Caterina, Annelore, Harald, Eddie: eheh eheheh!
Ero sinceramente dispiaciuta: “lio, leo, luo” erano tutte soluzioni molto più logiche e senz’altro poetiche.

Lui e Lei: Fantastici gli studenti!!
Lui: Aspetta, ce n’era una… fammi vedere…
Lei: No. Lo sto leggendo io!
Lui: E dai, un attimo!
Lei: Guardati il film!
Lui: Ma… uffa!

Morale: per fortuna che, seppur tra vicissitudini e ordini andati persi da Feltrinelli, sono riuscito a comprare due copie del libro di MAPPI tramite IBS Italia.
PS: Quello descritto è tutto vero!

Un pensiero su “Insegnanti italiano L2: vita quotidiana

Rispondi