La presidente della Crusca

Come cita Wikipedia, “L’Accademia della Crusca è un’istituzione che raccoglie studiosi ed esperti di linguistica e filologia italiana e, fra quelle esistenti, è la più antica accademia italiana.
Rappresenta sicuramente la più prestigiosa istituzione linguistica italiana.
Sorta a Firenze nel 1583, si è sempre distinta per il suo strenuo impegno a mantenere “pura” la lingua italiana originale, pubblicando gi nel 1612 la prima edizione del Vocabolario della lingua italiana, che servì da esempio lessicografico anche per le lingue francese, spagnola, tedesca ed inglese.”

Oggi, dopo 425 anni, per la prima volta la più alta carica di questa istituzione è una donna: Nicoletta Maraschio, eletta il 16 maggio scorso e che succede a Francesco Sabatini.

Questa intervista su donnamoderna.com la dice lunga su quanto l’ìAccademia della Crusca sia organismo moderno e attento all’oggi molto più di decine di grammatici benpensanti da schermo televisivo che fanno della lingua un valore intriso di moralismo e reazione.

Come si legge nell’annuncio sul sito dell’Accademia, “La sua Presidenza inizia dopo 137 anni dall’ammissione della prima donna in Accademia: Caterina Franceschi Ferrucci nel 1871. La presenza femminile in Accademia si è intensificata nella seconda parte del Novecento, fino a quando Giovanni Nencioni nel 1997 raccolse attorno a sé un Consiglio Direttivo tutto al femminile”.

Auguri a Nicoletta Maraschio da il due blog.

PS: Per capire il titolo del post leggete l’intervista…

Un pensiero su “La presidente della Crusca

  1. POLEMICA (COSTRUTTIVA) CON LA CRUSCA:

    Ogni volta che commento questo blog, pare che io finisca per polemizzare con qualcuno (ma e’ solo un caso, davvero).

    Quando ancora facevo l’insegnante a Taipei, mi e venuto un dubbio su un costrutto grammaticale, dubbio che non avrei potuto risolvere con Google, Yahoo Answers o una grammatica.

    Sono entrato nel sito dell’Accademia della Crusca e ho cercato di porre la mia domanda nel forum.

    Orrore! Il forum era chiuso per mancanza di fondi! Dopo il tradizionale balzo sulla sedia, scrivo al Corriere della Sera (lo faccio ogni due giorni, Sergio Romano e Paolo Mieli ormai mi hanno catalogato come ‘spam’) e pongo questa domanda: “come mai un’istituzione come la Crusca (che non e’ l’oratorio di Trebaseleghe) a cui si puo’ anche donare il 5 per mille, chiude i forum PER MANCANZA DI FONDI quando ci sono MIGLIAIA di forum gratuiti, gestiti da professionisti e volontari, che prosperano in Italia e all’estero senza prendere un centesimo da nessuno?”

    Sergio Romano per una volta mi da’ retta e mi pubblica, auspicando che “qualcuno faccia qualcosa” (?) per la nostra amata Accademia.

    Nel frattempo, il mio dubbio su quel costrutto strano me lo sono dimenticato da tempo, ma questo articolo sulla nuova presidente mi ha incuriosito: rientro (due minuti fa) nei forum della Crusca e scopro che nel frattempo il servizio e’ stato riattivato, e poi sospeso ancora (di nuovo “per mancanza di fondi”) meno di un mese prima che Nicoletta Maraschio passasse da vice-presidente a presidente.

    Conclusione:

    Signora Maraschio, se mai dovesse leggere questo blog, se mai qualcuno le segnalasse la questione, ci dice gentilmente di quanti fondi ha bisogno un forum? E cosa ve ne fate dei fondi che ricevete, incluso il 5 per mille?

    Grazie e buon lavoro,

    Marco Lietti
    panamon 23082 @ yahoo. it (senza spazi)

Rispondi