Lavora con un compagno…

Quante volte l’abbiamo detto in classe… quante volte l’abbiamo sentito da un collega in un’altra aula… quante volte l’abbiamo letto sulle istruzioni di un libro di testo…

Per noi insegnanti di italiano a stranieri nulla di nuovo: lavorare con un compagno quando andavamo a scuola noi significava “copiare”, ora fortunatamente, nella “nostra” scuola, è un valore aggiunto, ci riporta subito allo sviluppo di quella che un russo molto in gamba cento anni fa chiamava la zona di sviluppo prossimale, una possibilità di conoscere qualcosa che viene attivata solo se lavoro con qualcun altro.

Ora sembrano accorgersene anche altri. No, non la scuola italiana, non preoccupatevi. I nostri figli ancora per anni verranno beccati a copiare!

4 pensieri su “Lavora con un compagno…

  1. una maestra unica per così tante realtà diverse? come farà?! 😉

    grazie della testimonianza,
    per me è anche un piccolo esempio di come il problema non sia il maestro unico…

  2. aggiungo che non esiste il famigerato libro di testo, ma quaderni di lavoro per imparare a leggere scrivere e far di conto, che i bambini ricevono gratuitamente. Così come le matite, carta, penna e calamaio! infine, cosa che una mia amica maestra toscana ha trovato straordinaria, in classe c’è una lavagna a tre ante sulla quale le maestre scrivono con i gessi colorati!

  3. Mia figlia E., in Olanda, frequenta una scuola primaria organizzata sul cross-tutoring. Nella sua classe ci sono 30 bambini di 6/7-8-9 anni, praticamente l’equivalente italiano di una pluriclasse I-II-III. Maestra unica.
    Nell’arco del percorso – da 4 a 12 anni, se non ripetono un anno, perché qui si boccia…- i bambini sperimentano ruoli diversi nei 3 gruppi classe che attraversano: sono i più piccoli, i mezzani e poi i più grandi. Che dire? Per ora (mia figlia ha solo 7 anni), mi sembra di vedere risultati positivi sia sul piano cognitivo che socio emotivo. Per esempio racconta anche quello che fanno i compagni più grandi ed è molto attenta ad aiutare i più piccoli.

Rispondi