L’italiano negli USA

NEW YORK – “Quando il professore fece l’appello, il primo giorno, tutti si voltarono a guardarmi: il mio cognome era l’unico che non finisse con una vocale”. Universit della Pennsylvania, anno 1956, Daniel Berger, ebreo newyorkese, è l’unico studente del corso di italiano a non essere figlio di emigranti.

Gli americani fanno studiare ai loro figli il francese, la lingua dei viaggi, della gastronomia raffinata e della cultura, l’italiano è identificato con il dialetto che parlano i muratori, i giardinieri e i camerieri dei ristoranti. Mezzo secolo dopo la nostra lingua si è presa la rivincita, in crescita costante da dieci anni, ora è la quarta più studiata nelle universit americane e oltre 60mila ragazzi nel 2006 hanno scelto di seguire un corso di lingua e cultura italiana.

“E’ un momento magico, ci sono cattedre ovunque negli Stati Uniti perfino in Alaska e alle Hawaii, ne sono appena state aperte due a Puerto Rico”. Massimo Ciavolella, che guida il dipartimento di italiano all’Universit della California a Los Angeles, ha studiato l’evoluzione del fenomeno: “Vedo tre ragioni per questo boom: è sparita l’idea dell’italiano come emigrante, oggi la nostra lingua si è liberata da quell’immaginario ed esprime un’idea di cultura e di stile. Il successo dei prodotti italiani è servito da traino, penso alla moda e al cibo. L’Italia ha cambiato il modo di vestire e di mangiare degli americani e questo li ha conquistati. Infine è rinata la moda del Grand Tour: Più di 80 universit americane hanno una sede a Firenze. Per un giovane studente oggi il viaggio in Italia rappresenta una tappa fondamentale di formazione”.


La summer school di Columbia University a Venezia, in cui si studiano lingua, architettura e storia dell’arte, non ha più posti disponibili, come ci racconta Francesco Benelli, che nell’ateneo di Manhattan tiene il corso di architettura rinascimentale: “ nata da tre anni ma ha un successo clamoroso, i ragazzi vogliono scoprire l’Italia e questo è estremamente positivo, ma contemporaneamente va segnalata una crisi degli studi specialistici: a New York c’era una tradizione incredibile di studi sul barocco e il rinascimento, ora sono in forte declino”.

Il suo collega Nelson Moe, che al Barnard College supervisiona i programmi di chi per un periodo viene in Italia, conferma: “Prima l’italianistica era lo studio approfondito della Divina Commedia, naturale che fosse per pochi, oggi c’è un approccio interdisciplinare che ha conquistato molti studenti: arte, letteratura, cinema, musica e anche la cultura del cibo procedono insieme. L’italiano è vissuto come una lingua polisensoriale capace di aprire le porte al “bello””. Moe non si spaventa, è convinto che il successo figlio anche del boom dei ristoranti, degli stilisti, dei libri di cucina e dei viaggi sia un utile primo passo: “La sfida è conquistare questi studenti per poi portarli a corsi più avanzati”.

Negli anni ’60, secondo le statistiche della Modern Language Association, 11mila ragazzi studiavano italiano, nel 1970 erano saliti a 34mila, nel 1998 si supera la soglia dei 40mila iscritti, nel 2004 dei 50mila e lo scorso anno dei 60mila. Tra il ’98 e il 2002, c’è un balzo del 30%, straordinario se comparato alle altre lingue europee, che negli ultimi cinque anni si è consolidato. Ancora nel ’70 il francese la fa da padrone, con 360mila iscritti, poi comincia un declino che oggi ne fa ancora la seconda lingua studiata dietro lo spagnolo (746.000 iscritti) ma a quota 200mila. Al terzo posto c’è il tedesco, che a partire dagli anni ’70 venne identificato come la lingua europea degli affari, ma che oggi ha perso questa caratteristica di idioma indispensabile per il business, lasciando il posto al cinese, che cresce insieme all’arabo.

“Storicamente – spiega Ciavolella, citando la ricerca pensata con Dino De Poli e la Fondazione Cassamarca di Treviso – le cattedre di italiano erano stati aperte soltanto in quelle aree degli Stati Uniti e del Canada dove c’erano i figli degli emigranti, come necessit per lo studio degli italo-americani, oggi non è più così, anche se la maggiore concentrazione resta sulla costa Est”. In crescita anche il numero degli iscritti ai master e ai dottorati, si è passati da 925 del ’98 a 1100 oggi, ma siamo sotto la soglia dei 1200 iscritti sopra la quale un programma entra nella classifica federale e ha diritto ad avere finanziamenti e borse di studio.

Oggi non siamo più emigranti, Renzo Piano sta per inaugurare il grattacielo progettato come sede del New York Times, Bulgari lancia la sua sfida a Tiffany con un negozio grande uguale che occupa l’angolo opposto della Quinta strada, un italoamericano come Rudolph Giuliani corre per la presidenza e il vino italiano è al primo posto tra quelli importati, davanti ad Australia e Francia. Daniel Berger adesso lavora a Roma, al ministero dei Beni Culturali, è consulente per il recupero delle opere d’arte trafugate all’estero. Se è in Italia il merito è di quel professore che faceva l’appello cinquant’anni fa: “Si chiamava Domenico Vittorini, al pomeriggio insegnava ai cantanti d’opera la pronuncia e la fonetica, creò in me la passione per la lingua e per farmi migliorare la grammatica ogni giorno nelle vacanze estive mi spediva una lettera con un compito da rimandargli il giorno dopo. Allora ero solo, oggi finalmente l’italiano in America è la lingua della cultura”.

di MARIO CALABRESI corrispondente di “La Repubblica” – La Repubblica, 23 aprile 2007

Rispondi