MOOC che bello studiare online!


Sicuramente avrete già sentito parlare e probabilmente partecipato ad un MOOC.
Io stessa ne avrò iniziati circa 5 (per non portarne a compimento nemmeno uno!).
I Massive Open Online Courses sono gratuiti, sono offerti dalle più prestigiose università internazionali, sono superorganizzati nonostante abbiano altissimi numeri di iscritti, riguardano qualsiasi disciplina e la glottodidattica non è di certo trascurata.

Sul gruppo italiano per stranieri è stato molto pubblicizzato il MOOC Dyslexia and Foreign Language Teaching (Lancaster University, sulla piattaforma FutureLearn), iniziato pochi giorni fa (lunedì 20/4) e ancora aperto. L’entusiasmo è stato tale che è stato creato un gruppo apposito aperto a chiunque voglia confrontarsi in italiano. (1)
La piattaforma FutureLearn ha già offerto MOOC su tematiche affini, come Understanding Language: Learning and Teaching della University of Southampton; non è da meno
la University of Leiden con Miracles of Human Language: An Introduction to Linguistics (lì sono alla terza settimana).

Questi percorsi di studio possono essere svolti a distanza, nei ritagli di tempo. Viene sempre specificato il numero di ore di studio previsto settimanalmente; chiaramente è un numero indicativo, ma utile per farsi un’idea dell’impegno minimo richiesto.
Di solito ci sono dei test settimanali di autovalutazione, che possono essere ripetuti nel caso si sbagli una risposta. Su richiesta, viene rilasciato (a pagamento) un attestato di frequenza.
Online viene condiviso il materiale di studio con gli iscritti e spesso oltre ai file scaricabili, ci sono anche dei video. Ci sono forum attivissimi, che chiunque può creare e arricchire; l’alto numero di iscritti li rende forsi dispersivi, ma la partecipazione ai forum permette soprattutto di approfondire o chiarire eventuali dubbi e incontrare colleghi remoti che condividono le nostre stesse aspettative o problematiche.

Oltre a FutureLearn, che raccoglie le MOOC del Regno Unito, ci sono altre piattaforme come Coursera, EdX o Udacity (per materie scientifiche, più affine alla Khan Accademy), ciascuno con le loro relative app. Tuttavia è possibile conoscere l’offerta di MOOC anche attraverso altri portali come Mooc-list o Mooc.org.

La maggior parte delle MOOC vengono offerte in lingua inglese, ma si possono trovare MOOC anche in altre lingue, come quella in spagnolo consigliata recentemente da Paola Eoi: Enseñar y evaluar la competencia digital.

MOOC ce tocca!

(1) Se non avete Facebook, ma vi interessa il MOOC e il confronto, iscrivetevi e poi contattatemi a ladylink@ildueblog.it, vediamo cosa si può fare…

 

Rispondi