Nostradamus: un profeta da rivalutare! (2)

A proposito di offerte di lavoro…

In una mailing list, alcune settimane fa, ho letto di un annuncio di lavoro per l’Ecuador. Ho scritto per ricevere informazioni a proposito, e da vera insegnante di italiano per stranieri free-lance, ho anticipato il mio CV, visto che a giugno finisce il mio percorso di studi e contemporaneamente le mie finanze.
Ecco le informazioni che ho ricevuto.

Gentile Dott.ssa C.,

le invio alcune informazioni riguardo all’U. T. di A. e al contratto di lavoro ed altre informazioni che penso riterrá utile conoscere.
L’U. T. di A. richiede per l’a.a. 2006-2007 due docenti madrelingua italiana. Il contratto va dal 1 ottobre 2006 al 31 agosto 2007. Le classi sono composte da circa 30-35 studenti, i livelli sono: Basico I, Basico II, Pre-intermedio e Intermedio I (non sempre peró gli ultimi due sono attivi). Le ore di insegnamento: si lavora dal lunedí al venerdí, per 3 ore di insegnamento e 2 ore e 15 minuti di ore complementarie (preparazione delle lezioni, correzione dei compiti, ecc.) Il compenso mensile é di 450usd$ (lo stipendio é sufficiente per vivere in modo piu che agiato per un mese) piú l’alloggio che si trova nelle vicinanze dell’universitá ed é dotato di ogni comfort (televisione, videoregistratore, stereo, pentole, piatti, lenzuola, asciugamano, ecc.).
La burocrazia qui é molto lenta (bisogna fare un “oficio” per qualsiasi cosa) e le cose non sempre funzionano bene… é necessario avere i nervi ben saldi… e considerare che non siamo in Europa…
Per quanto riguarda le spese: il biglietto aereo é a carico del docente, cosí come l’assicurazione sanitaria (io l’ho fatta con Europe Assistance, costa 279 euro, copertura un anno…).
Per quanto riguarda l’alimentazione bisogna stare un po’ attenti a quello che si mangia, soprattutto non mangiare per strada, comprare acqua imbottigliata e lavare la frutta con bicarbonato.
Per l’abbigliamento é consigliabile qualcosa di primaverile e estivo: generalmente di mattina e di sera fa un po’ freddo (13-16 gradi), dalle 10.00 alle 17.00 fa caldo (dai 20 ai 29 gradi).

Concludo con una premessa: queste informazioni non sono state tratte da Donna Moderna, tra le pagine delle proposte per le vacanze di Pasqua…
Ed aggiungo:
Uno: I master in didattica dovrebbero anche contemplare insegnamenti come: “Modalità contrattuali, suggerimenti per la sopravvivenza”
Due: Per andare a lavorare in Spagna, in effetti anch’io mi sono dovuta spesare il viaggio, 220 euro. Ma per quanto riguarda questa proposta, delle spese di viaggio non se ne rientrerà proprio con un contratto di soli 10 mesi, visto che già solo con l’assicurazione da 280 euro, il nostro conto andrà in rosso sin dal primo mese….
….i conti non tornano… anche quelli della barzelletta, costretti a rimanersene in Ecuador!

°Oo0OO°0MUMBLEMUMBLE°Oo0OO°0

Rispondi