Parmesao, Regianito e Cambozola.

Prendiamo lo spunto da un divertente (e un po’ inquietante) articolo di Kataweb.

Per chi viaggia molto all’estero le storpiature dei cibi italiani non sono una novità. L’italianità è più un’idea che altro, soprattutto dal punto di vista culinario bisogna fare i conti con i gusti locali, per cui un parmigiano che abbia un sapore rassicurante è più vendibile di un Reggiano stagionato 36 mesi. Magari la nostra Ladylink potrà dirci qualcosa a riguardo.

Non è che noi siamo da meno, se si va in Cina si scoprirà come la cucina cinese sia ben diversa da quella che mangiamo qui. E non solo.

Comunque, per sorridere un po’ (e magari disgustarvi in qualche occasione), vi rimando all’articolo.

2 pensieri su “Parmesao, Regianito e Cambozola.

  1. bellissimo l’articolo! ottimi usi didattici. posso aggiungere? varietà rioplatense: cotoletta alla milanese alla napoletana…. (milanesa a la napolitana), cioè con l’aggiunta di pomodoro e formaggio fuso in forno!
    buon appetito…

Rispondi