Scuola pubblica: piccoli progressi

Forse non tutti conoscono (gli insegnanti della Toscana sicuramente sì) l’esperienza dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Firenze che, in occasione della C.M. del Marzo 2006 ha trasmesso a tutte le scuole della provincia delle linee guida molto interessanti per noi insegnanti di italiano lingua seconda, soprattutto per quanto riguarda la valutazione consigliata alle scuole per quegli studenti che non sono madrelingua.

Grazie a una cara amica, ho potuto usare questi documenti per spingere gli insegnanti di ruolo della scuola in cui ho fatto un corso di italiano lingua seconda a dare una valutazione che, quanto meno, tenesse conto dei miei giudizi (é stata fatta una sorta di “media”). Un piccolo passo, ma veramente importante: per gli studenti, che hanno visto premiati i propri sforzi; per noi, che in genere non veniamo presi in considerazione per la valutazione finale.

Ecco perchè aggiungo a questo post degli allegati da scaricare e studiare per poter cominciare a scuotere queste immobili scuole pubbliche, così impreparate ad accogliere gli stranieri. Invito inoltre tutti gli insegnanti che abbiano esperienze di lavoro in regioni altrettanto “illuminate” a fare la stessa cosa: ogni documento ufficiale può essere utile ai colleghi per ottenere risultati migliori (inviateli all’indirizzo ildueblog@gmail.com)!

linee-guida-valutazione-sc-primaria-e-sec-1gr.doc
linee-guida-valutazione-sc-sec-2gr.doc
protocollo-accoglienza-sc-primaria-e-sec-1g.doc
circolare.pdf
protocollo-accoglienza-sc-sec-2gr.doc
Kappa

2 pensieri su “Scuola pubblica: piccoli progressi

  1. Ciao a tutti
    mi interesso di alunni stranieri e ti assicuro caro “Porfido” che noi della Scuola Pubblica non ci contiamo sulle dita di una mano…in realtà il vero problema è l’assurda avversione che molti nostri colleghi hanno per l’informatica e l’ignoranza nel non voler accedere alle innumerevoli risorse che il computer e internet possono offrire nel campo dell’insegnamento/apprendimento dell’ItalianoL2.
    Anch’io ho raccolto materiale e cerchiamo di fare gruppo lavorando in una piattaforma moodle in

    http://www.sky.mi.it/moodle/course/category.php?id=6

    tutti sono benvenuti!

  2. nessun commento a questo articolo così utile e interessante.
    evidentemente qui su il due non ci viene nessuno della scuola pubblica. o/e forse chi insegna italiano L2 nella scuola pubblica si conta davvero sulle dita di una mano, a parte qualche caso isolato come Firenze, dove sono decenni avanti.
    Comunque, al di là di tutto, invito davvero i colleghi che lavorano anche in altri ambiti a dare un’occhiata qi documenti allegati da kappa, sono veramente interessanti e vanno, pare, nella direzione giusta.

Rispondi