Scuola: rivoluzione vacanze

Calendario scolastico, rivoluzione dal 2008
“Estate più corta e tanti ponti nell’anno”

Elaborata da una commissione voluta da Rutelli, la proposta fra qualche giorno arriver sul tavolo della conferenza Stato-regioni

Qui l’articolo da repubblica.it.

Cosa ne pensate? Largo alle opinioni (per una volta un tema leggero ed estivo visto anche il caldo di questi giorni…)!

2 pensieri su “Scuola: rivoluzione vacanze

  1. va bene,ma con l’aria condizionata !:-) NIENTE ELETRCITA’ MA PANNELLI SOLARI O ENERGIA NEURONALE …MHMHM CE LA FARANNO I CERVELLI DEI NS.ALUNNI A SOSTITUIRE IL GENERATORE SCOLASTICO? 🙂

    siamo morti nella ns soleggiata scuola quest’anno x gli esami… e sono finiti il 4 luglio, quando qui in Lombardia il caldo era accettabile e nn eccessivo…
    commento molto estivo e disimpegnato, ok,ladylink? 🙂

  2. la mia prima opinione: chi insegna nella scuola Pubblica è proprio fortunato!
    Poi una perplessità: ma le regioni non gestivano queste festività scolastiche GIA’ in autonomia? Interessante l’idea di prorogare le date della fine dell’anno scolastico, prevedo esisti scarsi per gli esaminandi: arriveranno stremati e con i neuroni essiccati dalla calura estiva, ma forse i genitori che lavorano gradirebbero…
    Più che prolungare la Pasqua penserei al calendario multiculturale, un buon esempio di integrazione….
    quasi quasi mi iscrivo alla SSIS (o era SISS)…. SSSHHHHHHHHHHHHHH, che confusione!

Rispondi