www.eulogos.net

Ovvero: quanto la statistica può aiutare nello studio della lingua italiana.

www.eulogos.net è un sito che offre un servizio gratuito chiamato CENSOR, molto utile per noi insegnanti, e che si può rivelare fondamentale soprattutto per chi, lavorando nella Scuola, tratta argomenti disciplinari in lingua italiana a studenti appena inseriti nella realtà scolastica e soprattutto nel microcosmo di una classe già rodata.
Di cosa si tratta?
Il sito offre la possibilità di calcolare la leggibilità secondo gli indici Gulpease di qualsiasi testo, anche di grandi dimensioni.
Cos’è la leggibilità? E cosa sono gli indici Gulpease?
Andiamo per gradi. Prima di tutto non si può parlare di leggibilità tralasciando il concetto di comprensibilità. Entrambe sono, in realtà, fondamentali per la comprensione di un testo, ma riguardano sfere diverse. Per praticità partiamo dalla comprensibilità. Questo concetto è legato al contenuto di un testo, alla sua coerenza e coesione, alla sintassi e alla morfologia. Al registro e quindi allo stile. La leggibilità, invece, concerne la struttura più superficiale e si può quantificare attraverso calcoli incrociati tra la lunghezza delle parole, la lunghezza delle frasi e dei periodi.
Gulpease è uno dei parametri alla base del calcolo della leggibilità di Eulogos. Questo indice è stato elaborato alla fine degli anni 80 presso l’Istituto di Filosofia dell’Università degli studi di Roma “La Sapienza”. Esso permette di calcolare un valore numerico, da 0 a 100, che a seconda della competenza dell’ipotetico lettore, assume una interpretazione diversa: più è alto e maggiore è la leggibilità del testo, ma se il lettore è altamente scolarizzato quel valore, nella scala della leggibilità, assume una diversa interpretazione.
Ma il servizio CENSOR va ancora più nel dettaglio. Il suo indice di leggibilità, infatti, è confrontato anche con il Vocabolario di Base di Tullio de Mauro, che contiene circa 7500 parole divise in Vocabolario fondamentale, di alto uso e di alta disponibilità.
Questo tipo analisi è fondamentale per capire le difficoltà degli studenti italiani e stranieri che hanno a che fare con i testi disciplinari. Può essere inoltre una guida nella scelta dei materiali autentici che vogliamo portare in classe per far lavorare i nostri studenti.

Per il calcolo della leggibilità sul server di Eurologos, bisogna inviare una mail al seguente indirizzo censor.server@eulogos.net, senza scrivere nulla né nel corpo della mail, né nell’oggetto, allegando semplicemente qualsiasi testo in formato .txt (il blocco note, negli accessori di windows).

La risposta è quasi simultanea.

E mentre vi rimando al sito www.dueparole.itper aver un esempio di testi scritti secondo questi parametri, vi rimando ad un prossimo post con la leggibilità di questo articolo, che mi sono interessata di calcolare previamente.

10 pensieri su “www.eulogos.net

  1. Come si passa la notte dell’ultimo dell’anno in Italia? Generalmente in casa con la famiglia e con gli amici. Nell’attesa della mezzanotte si mangia e si gioca, poi, quando mancano pochi minuti allo scadere delle 24.00, si tirano fuori le bottiglie di spumante dal frigorifero e si brinda al nuovo anno. A questo punto si esce tutti sul balcone e si accendono razzi e girandole. In passato si usava gettare oggetti dalla finestra allo scadere della mezzanotte. Oggi questa tradizione è andata perduta.
    Il giorno dopo, il primo dell’anno cioè, il menù prevede alcuni piatti fissi, e tra questi le lenticchie che si accompagnano al cotechino o allo zampone. Perché proprio questi legumi? Perché nella fantasia popolare le lenticchie rappresentano i soldi, quindi quante più lenticchie si mangiano, tanto più ricchi si spera di diventare durante il nuovo anno. Il nuovo anno spesso dà l’occasione per abbandonare cattive abitudini. “Anno nuovo, vita nuova” si dice infatti.

  2. Ma perchè ora è diventato a pagamento? sono una semplice studentessa, lo devo usare per prova e … non capisco molto il senso di pagare un server automatico che è sempre stato gratuito finora! Inutile dare un valore alla conoscenza..più si diffonde più aumenta il suo valore. io penso. però uff…

  3. una informazione: forse molti non sanno che è possibile da Word conoscere l’indice di leggibilità Gulpease e ….
    molto semplicemente da “strumenti” basta eseguire “Controllo ortografia e grammatica” accertandosi prima di aver spuntato nelle “opzioni” la funzione “mostra le statistiche di leggibilità”, il risultato non è così dettagliato come nel servizio Censor ma è comunque comodo…

  4. Pingback: il due blog » Blog Archive » www.eulogos.net: interpretare la statistica

  5. gentile silvia
    non credo che ci siano studi in questo senso, ma la tua domanda è piuttosto stimolante, quindi cercheremo di informarci.
    Per ora dobbiamo “aggrapparci” alla nostra sensibilità, tenendo sempre presente l’Input+1…. Eurologos può aiutarci a capire che tipo di testo abbiamo davanti. E forse troppo spesso lo abbiamo dato per scontato.
    Il Vocabolario di Base, comunque, racchiude quelle parole che dovrebbero rendere un testo comprensibile al 90% dei lettori di madrelingua, a prescindere dalla scolarizzazione (la compilazione infatti è stata fatta attraverso un confronto trasversale, di testi, di varia origine e genere).
    Ecco…diciamo che dobbiamo saper gestire noi il tutto!

    UHM!….

    :o)

    grazie

    ll*

  6. caro/a “info”, ti confesso che la lentezza ha stupito anche me, solo ieri infatti ho ricevuto il reconto del testo postato nel blog. Quindi la risposta ti arriverà di sicuro!
    Nelle mie recedenti esperienze, il testo mi è stato rispedito nel giro di pochi secondi.

    NON SCORAGGIAMOCI!
    🙂
    torna presto a commentarci!

  7. Conoscev Eurologoso ,l’ho usato e lo trovo utile. Mi chiedo solo se non è possibile incrociare queste rilevazioni con una classificazione dei testi nei 6 livelli del QUADRO EUROPEO. Ci sono studi inquesta direzione?
    GRAZIE X LE INFORMAZIONI

  8. Io ho mandato un testo ma non hanno ancora risposto dopo 36 ore… misteri estivi? Riproverò in periodi… curriculari. 😉

Rispondi