L’italiano nella tendopoli

tendopoli Il Globo - L'Aquila

Facendo “zapping” in internet mi imbatto in questa notizia, curiosa quanto bella.

In realtà non è nemeno una notizia, ma una testimonianza , da una tendopoli di L’Aquila, la città colpita dal terremoto il 30 marzo scorso.

Viene dalla tendopoli del Globo, uno dei campi principali che tra persone ospitate, volontari, personale dell’Esercito, della Marina e alpini, conta oltre 1.400 persone. Le righe qui sotto sono tratte da ilCapoluogo.it.

Palma inizia a raccontare com’è nata l’idea del corso di italiano per stranieri, un corso rivolto alla comunità indiana del campo, 8 persone,  con la speranza di coinvolgere anche la comunità cinese: “un giorno, mentre eravamo al lavatoio, una struttura in legno con 15 lavatrici e le decorazioni di pesci azzurri alle pareti, si avvicina una bambina e nel sollecitare la sua presenza alle lezioni scolastiche è lei che mi chiede “perché non insegni l’italiano alla mia mamma?”. Semplicemente così, senza tanti problemi, mettono su il corso di italiano per stranieri che però è “bidirezionale –  mi spiega –  in realtà anche loro insegnano a noi qualcosa della loro lingua, a partire dall’alfabeto indiano”.

Buona fortuna a Palma da ildueblog!

Rispondi